BUENOS AIRES EVENTI

Expo colectividades 2017: la festa delle collettività

collettività

La forza della collettività

Nella Ciudad Autónoma de Buenos Aires il mese di settembre ha cominciato con la “Expo colectividades 2017”. Si tratta di un’iniziativa della Subsecretaría de Derechos Humanos y Pluralismo Cultural attraverso la sua Dirección General de Colectividades. Un evento che ha offerto l’opportunità di conoscere la storia, la tradizione e la gastronomia di ogni collettività partecipante.

Il proposito? Fortificare l’integrazione e la buona convivenza. E anche riflettere sulla diversità culturale delle differenti collettività che formano parte dell’identità porteña (cioè, della Ciudad Autónoma de Buenos Aires).

collettività

Si calcola che tra il 1881 ed il 1947 la quantità di persone che sono arrivate dall’Italia al Porto di Buenos Aires è stata di 3.000.000 circa.

Chi e dove?

Moltissime sono state le collettività che hanno partecipato a questa festa celebrata durante il primo fine settimana del mese nel conosciuto Espacio Dorrego (nel quartiere di Palermo). Per due intere giornate, la musica, la storia, i colori, i cibi e la cultura hanno saputo conquistare i sensi del pubblico.

Una delle principali proposte è stato il “Túnel del Tiempo”, che ha concesso la possibilità di capire il rapporto storico di Buenos Aires con le diverse colettivittà.

L’Italia, presente!

La collettività italiana -naturalmente- non ne è rimasta fuori. E nel suo stand -grazie alla partecipazione dell’Ambasciata, del Consolato Generale, dell’Agenzia Nazionale del Turismo ENIT e dell’Istituto Italiano di Cultura- la gente ha potuto apprezzare la sua cultura.

Conferenze, presentazioni, foglietti pubblicitari su eventi nella città e informazione turistica dell’Italia. Queste sono solo alcune delle cose che hanno riempito la zona dedicata a una comunità il cui legame con l’Argentina continua ad essere tuttora molto forte.

L’incanto della Vespa

Ciò che ha attirato l’attenzione sia di adulti che di bambini è stata la Vespa gialla localizzata accanto allo stand di Italia. La gente ha fatto lunghe code per poter salire su quest’icona del paese.

Essendosi già seduti, e attraverso un dispositivo di realtà virtuale, la sensazione era quella di sentire che si percorreva la bellissima città di Matera. Un’esperienza molto interessante e ovviamente divertente.

collettività

Tutti hanno voluto provare il fascino di questo classico italiano.

Festa senza musica non è festa

Fuori, la domenica del 3 settembre era grigia. Ma dentro, il clima era molto diverso. Perché grazie a Maxi Manzo, Verónica Morello e la Orquesta Sur de Italia la musica ha saputo inondare ogni angolo in un batter d’occhio.

Maxi è nipote di italiani. Ha deciso di seguire il cammino della musica e fa Pop Rock in italiano. Verónica è la cantante e fondatrice del gruppo musicale “Madonna Nera”. Questo gruppo è creato per diffondere la musica popolare italiana in Argentina e le storie che ci sono dietro ad ogni canto, ogni danza, ogni rituale.

collettività

Valendosi della loro simpatia, con delle voci stupende, e accompagnati dall’orchestra, Maxi e Verónica hanno suonato diverse canzoni, tra le quali non sono mancate la tarantella e la pizzica.

Genitori, bambini, nonni, amici hanno avuto la possibilità di passare due giornate in cui le parole “convivenza” e “integrazione” sono state le fondamenta di un evento che rispecchia la bellezza di essere diversi.

Julieta B. Mollo

Autore: Julieta B. Mollo

Giornalista e Professoressa di Lingua Italiana. Nata a Buenos Aires, Argentina, nel 1991. Sono vissuta sei anni in Italia. Voglio ripetere l’esperienza. Fanatica delle serie televisive e dei film. Amo l’Italia, la musica, mangiare e dormire. La dolce vita.

Expo colectividades 2017: la festa delle collettività ultima modifica: 2017-09-07T11:35:54+00:00 da Julieta B. Mollo

Commenti

To Top