ARTE & CULTURA

ItaliaChe: un’iniziativa tutta al femminile

ItaliaChe

Da sinistra Eduardo Lepore, tesoriere del Circolo Italiano- Giulia Campeggio, Uff. Politico e Stampa dell’Ambasciata Italiana in Buenos Aires- Gianluca Guerriero, Console di Buenos Aires- Edda Cinarelli, giornalista di Italianiabuenosaires- Franco Arena, giornalista di Radio Tricolore- Elena Ciccone, collaboratrice e co-fondatrice di ItaliaChe- Marta Potenza, coordinatrice e co-fondatrice di ItaliaChe. Photcredit: Silvia Chiesa

ItaliaChe! è una neonata iniziativa, al momento di sole donne (non per scelta) che ha preso vita negli spazi del Circolo Italiano di Buenos Aires. Dopo alcuni mesi di riunioni, da gennaio 2017, in seguito alla proposta di Marta Potenza è nato questo nuovo progetto culturale italiano giovane e volto a svecchiare l’idea di Italia che si ha nel paese. “Ha preso vita in modo alquanto spontaneo, tra chiacchiere ed incontri tra amici ed amici di amici, conoscenti…come spesso accade nella comunità italiana in Argentina“. Queste erano state le parole delle ragazze durante il primo evento di presentazione avvenuto lo scorso 14 luglio.

Marta e Camilla (Tosatto), due delle ragazze si erano conosciute partecipando ad altre attività del Circolo Italiano. Dalle chiacchierate tra due connazionali era nata la necessità di fare qualcosa di concreto e far conoscere la realtà dell’Italia di oggigiorno. In effetti gli italiani che sono arrivati in Argentina negli ultimi anni si “scontrano” di frequente con idee stereotipate o comunque non del tutto aggiornate sul nostro Paese. Qualcosa che ha a che vedere con l’immigrazione di vecchia data, i ricordi e le idealizzazioni. Tutto questo ha certamente consolidato un’idea che non rispecchia gli italiani e l’Italia di oggi.

Presentazione dell’evento con Marta Potenza, Camilla Tosatto (altra delle 3 fondatrici del gruppo) e Elena Ciccone. Photocredit: Silvia Chiesa.

“Identità italiana: radici e cultura di un paese muy querido”.

Dopo aver ottenuto il patrocinio del Circolo Italiano, che ha offerto gli spazi e si è convertito nel partner principale di ItaliaChe!, è partita la programmazione annuale. Si sono aggiunte con entusiasmo all’iniziativa Elena Ciccone, Veronica Barbatano e Silvia Chiesa. E dopo il primo evento il numero di integranti è cresciuto notevolmente, complici il successo e la genuinità dell’iniziativa. Le cinque italiane forti di esperienze internazionali e curriculum variegati hanno prodotto una proposta programmatica ricca di eventi ed attività per raggiungere il loro obiettivo. Hanno iniziato a lavorare nella ricerca di partner per costruire una rete di collaborazioni utile anche per il futuro.

Il filo conduttore del programma è la riscoperta delle radici e della cultura italiana in chiave attuale. Si prevede la presentazione di una regione per ogni evento o attività attraverso diverse modalità. E l’attività svolta dalle ragazze è tutta a titolo volontario, spinte solo dall’amore per la propria cultura ed il proprio paese. Risulta inoltre interessante scoprire l’idea che si nasconde dietro al nome. ItaliaChe! che in realtà va letto come Italia c’è fa riferimento al tipico intercalare argentino “Che”. Un nome nato dopo un po’ di brainstorming e una pizza tra amiche. E come ha ben spiegato la giovane lombarda (Camilla) al pubblico è un accenno al “che” colloquiale ed amichevole degli argentini. Ma è pure un richiamo al suono “c’è” italiano che appunto vuol dire che siamo un’Italia che esiste in questo paese, attraverso le attività che il gruppo proporrà alla collettività.

Gadget offerti dall’ENIT, uno dei partner ufficiali dell’evento di promozione della regiona Basilicata che si è svolto lo scorso 14 luglio presso il Circolo Italiano di Buenos Aires. Photocredit. Silvia Chiesa.

Non solo eventi con ItaliaChe!

In attesa del prossimo evento che stando a quanto annunciano sulla loro pagina Facebook si terrà in novembre è possibile seguire ItaliaChe! anche dall’Italia. Infatti tra le altre attività in questo momento stanno fiorendo una serie di collaborazioni con importanti istituzioni di Buenos Aires. Degna di attenzione è l’iniziativa curata da Marta, di una rubrica nel programma radiofonico domenicale di Franco Arena. In linea con il progetto madre, Marta si è ritagliata uno spazio che ha chiamatoI tre colori: raconti d’Italia“, in cui ogni 15 giorni invita tre ospiti che rappresentano le tre zone della penisola. Così quelli che metaforicamente ha individuato come i tre colori sono raccontati attraverso storie portate dagli ospiti che parlano in italiano e presentano l’Italia nelle varianti regionali. Per chi fosse interessato il programma va in onda alle 11 argentine su Radio Belgrano AM 650.

Il salone Rocca, durante il primo evento di ItaliaChe, il 14 luglio 2017. Photocredit: Silvia Chiesa

ItaliaChe: un’iniziativa tutta al femminile ultima modifica: 2017-09-21T08:29:55+00:00 da Redazione

Commenti

commenti

To Top